giovedì 14 giugno 2012

Camera Oscura

No, non sono scomparsa misteriosamente, sto solamente cercando di barcamenarmi con gli esami.
Nonostante i miei doveri matematici, ho deciso di frequentare un breve corso di camera oscura che sta cominciando a dare i suoi frutti. Così ogni martedì, insieme ad un branco di studenti di medicina e lettere mi ritrovo all'ultimo piano della facoltà di architettura a stampare, fra gli odori dello sviluppo e del fissaggio, il buio, il caldo, gli ingranditori degli anni '70, un utero materno, caldo umido e dal forte odore umano e chimico.
Questa, come ormai gli assidui lettori sapranno, è Shila, alla quale ho fatto una piccola intervista, sì, la stessa Shila che ha fatto delle vignette per questo blog.
Per il resto un consiglio: è la stagione delle peonie, approfittatene!