mercoledì 16 novembre 2011

ELISA



Chi è Elisa?
Una pin up con i riccioli inzuppata fin dalla nascita in ogni possibile ambito dell’arte da parte della sua famiglia(aus berlin, from london e from barberino val d’elsa town). Vive in una casa in mezzo al countryside con i cervi e gli istrici dove non è possibile trovare uno spazio non invaso da libri, cornici, vestiti o posaceneri.
Il tuo vero Nome?
Elisa Gaia Rachel. Rachel è stato scelto per puro gusto fonetico dai miei parenti di Londra. Quando nacqui inoltre ereditai due bauli verdi del 1920 dalla casa di moda in Brasile Donna Elisa, la zia di mia madre, con sopra le iniziali rosse E.G.M., intuibile la motivazione degli altri due nomi.
Canzone del momento?
Should Have Take an Acid With You di Neon Indian e Heartbeats versione live dei Knife, ma per ogni momento va anche bene Kasta Sten degli Slagsmålsklubben.
Un posto da non perdere a Londra?
Il salone del piano bar nel Royal Ballet vicino a Covent Graden.
Un posto da non perdere a Berlino?Un cinema all’aperto in Rosenthaler straße vicino al Panasia, ristorante asiatico buonissssimo.
Animali domestici:
Un gatto-gufo e un cane-orso. Nello specifico il cane si chiama Artemisia ed è un terranova. Il gatto si chiama proprio gatto-gufo e sospetto che sia costantemente sotto effetto di anfetamine.
Dovessi scegliere un dialetto: bolognese o siciliano?
Bolognese by day e Siculo by night.
Hobby:
Ho l’Hobby di fare hobby. Qualsiasi cosa mi viene proposta il 99% delle volte accetto! È successo così perpianoforte, thai,  box, improvvisazione teatrale, calligrafia cinese , teatro classico e così ad oltranza, ma soprattutto per Tip Tap.
Perché proprio il Tip Tap?
Tutto è nato dal fatto che un mio amico ricevette per natale le tap shoes che aveva chiesto per scherzo ai suoi...e per non dover affrontare da solo l’impresa si rivolse chiaramente a me. Ma saltellare facendo finta di essere Ginger Rogers è sicuramente l’hobby più incredibile di sempre (morte a Shirley Temple comunque).
Manie compulsive:
Acquistare il maggior numero possibile di calze di Emilio Cavallini e gli abbinamenti di colore nei vestiti.
Se tu fossi nata in un altro periodo storico:
Ho sempre sostenuto che sarei stata la perfetta moglie di un generale nazista. Ma ultimamente penso che mi sarei trovata discretamente bene anche sul palco dei cabaret fumosi di fine anni ’40.
Progetti per il futuro:Wanna study all’Istituto Centrale di Restauro di Roma, per adesso sono iscritta ad Art management all’ESE. Ma quando arriverò all’apice della vita vorrei andare a vivere in Provenza in mezzo a un campo di lavanda con un cervo bianco e un toyboy, credo.


Who is Elisa?
A pin up with curly hair soaked from birth in every possible field of art by his family (aus berlin, from London and from Barberino Val d'Elsa). She lives in a house in the countryside with deer and porcupines where you can not find a space free from books, frames, clothes and ashtrays.
Your real name?
Elisa Gaia Rachel. Rachel was chosen for the sound of the name from my relatives in London. When I was born I also inherited two green trunks of 1920 from the fashion house of Donna Elisa in Brazilmy mother's aunt, with red initials above, EGM...predictable motivation of the other two names.

Song of the moment?
Should Have Take an Acid With You by Neon Indian e Heartbeats live version by Knife, but for every moment Kasta Sten degli Slagsmålsklubben sounds great.
A place not to be missed in London?
The piano bar of the Royal Ballet near Covent Garden.
A place not to be missed in Berlin?
An open-air cinema in Rosenthaler Straße near the Panasia, a very good Asian restaurant.
Pets:

An owl-cat and a bear-dog. The dog's name is Artemisia, it's a Terranova. The cat's name is owl-cat, I suspect that it is constantly under the influence of amphetamines.
If you had to choose a dialectBolognese or Siciliano?
Bolognese by day and Siciliano by night.

Hobbies:
I have the hobby of making hobby: piano, Thaiboxes, improvisational theater, Chinese calligraphy, classical theater and Tip Tap.
Why Tip Tap?
Everything was born from the fact that a friend of mine received the tap shoes for Christmas that he had asked for a joke to his father ...he asked me to try with him the Tip Tap. But jumping pretending to be Ginger Rogers is definitely the most amazing hobby forever (Fuck Shirley Temple anyway).
Compulsive manias:
Buy as many as possible of socks by Emilio Cavallini and color combinations in clothing.
If you were born in another historical period:
I've always said that I would be the perfect wife of a Nazi general. But lately I think I would find myself fairly well to the stage of smoky cabarets of the late '40s.
Future Plans:
Want to Study Central Institute of Restoration in Rome, for now I'm enrolled in Art Management ESE. But when I get the height I want to live in Provence in the middle of a field of lavender with a white deer and a toyboy, I think.


11 commenti:

  1. "la perfetta moglie di un generale nazista":curioso...Mi chiedo cosa intenda Elisa.

    RispondiElimina
  2. Le foto sono molto belle però in effetti anch'io, come Anonimo, mi chiedo il senso sicuramente ironico ma un po' buttato lì di quella frase di Elisa.
    Ciao,
    June

    RispondiElimina
  3. Incantata da queste foto. Baci Marcella

    RispondiElimina
  4. Credo fosse sicuramente ironico...o perlomeno ispirato dai mille film sull'argomento! A me è piaciuta l'intera intervista, e le foto sono bellissime, hai davvero un talento naturale!Oltretutto sono originali, e spicchi decisamente in mare di foto scattate in automatico, senza ispirazione o voglia di comunicare qualcosa di diverso dall'apparire! Moralismi a parte, mi piace tantissimo la tua rubrica!!

    RispondiElimina
  5. Questa ragazza è bellissima! :D

    RispondiElimina
  6. pretenziosissima la ragazza... ma spassosa, a suo modo. bel blog e bellissime foto, ho già preso qualche tips per la mia prossima trasferta a parigi.

    l.

    RispondiElimina
  7. delle foto meravigliose quanto è meraviglioso il soggetto, complimenti davvero!(Petunya)

    RispondiElimina
  8. Ambasciator non porta pena.
    L'intervista è tale e io non so certo rispondere alle "stranezze" di Elisa.
    Comunque come eleleo io non so perché ma ho pensato ad inglorious bastards e alla bellissima Diane Kruger...o qualcosa di simile.
    Per il resto spero davvero che vi siano piaciute le foto perché sono soddisfatta del mio lavoro :)

    RispondiElimina
  9. Le foto sono una meraviglia, da lasciarti a bocca aperta. Anche Elisa è bellissima, e questo contribuisce molto.
    Davvero carina quest'intervista, e poi gatto-gufo è davvero adorabile!

    RispondiElimina
  10. bella intervista davvero!
    io credo che elisa volesse semplicemente alludere alle atmosfere di quegli anni...
    continua isa!!sei brava!

    RispondiElimina
  11. foto stupende :D
    passa a trovarmi :)
    http://idolcibijoux92.blogspot.it/

    RispondiElimina