venerdì 2 aprile 2010

My mood swings



Conoscete Elvis Costello?
Io l'ho conosciuto per la prima volta grazie a Nick Hornby e al suo romanzo Alta Fedeltà, libro eretto a bibbia della mia adolescenza, segnata per sempre dalla mania di fare top five per qualsiasi tipo di argomento proprio come il protagonista del libro.
Il libro ve lo consiglio e se la cultura scritta non fa per voi vi consiglio anche il film con John Cusack.



Elvis Costello cantante e cantautore inglese che iniziò la sua carriera alla fine degli anni 70, Elvis Costello con i suoi occhialoni nerd, Elvis Costello con la tesa del cappello all'insù, Elvis Costello con il suo sguardo torvo dal basso verso l'alto, Elvis Costello che canta My mood swings pronunciando Marshmallow in quel modo così provocante...
Si, non ho soltanto una passione per il vintage come moda, ma anche come musica e come cinema. Quindi mi ritrovo ad ascoltare vecchi lp e roba che si ascoltava negli anni '60, '70, '80.
Ecco...perché tutta questa digressione?
Fondamentalmente perché sto mantecando un riso un po' troppo integrale per i miei gusti che sembra non voler assorbire nessun liquido e resta lì duro e poco cotto a guardarmi dalla padella e allora perdo il mio tempo a fare conversazione con un computer in questa eterna lotta fra me e i cibi macrobiotici che invadono casa! Ma siamo o non siamo una famiglia di freak!?!



O forse faccio questa lunga digressione per introdurre un po' queste foto e il simpatico pomeriggio passato a fare un torneo di carte pokemon: sì, lo so, molti di voi non ci crederanno, ma bisogna sempre stare attenti quando si va ai compleanni degli informatici...non sai mai quale gioco nerd ti proporranno. In questo caso un gioco nerd e mooolto vintage anni '90!
Dopo il torneo (maledizione...hanno impiegato un'ora per spiegarmi le regole e ho perso comunque senza averci capito niente!) girata in bici lungo il Mugnone.

Bici scassata e borsone da postino fregato a "Daddy".



Ed ecco l'ultimo recupero nell'armadio abbandonato nella vecchia casa di campagna:
giacca Agnes B. di mamma, vecchia e scolorita ma così giusta con la mia marinière...ha anche delle imbarazzantissime spalline anni '80!



Penso che sia arrivato il momento di seppellire queste converse!!!


Sciarpa Faliero sarti a fiorellini celesti e collana regalata.

6 commenti:

  1. Graziosa come sempre... com'è andata a finire col riso, poi? :)
    Un bacione, buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  2. un bel post. ho sempre pensato di leggere quel libro, ora ho un motivo in più:)

    RispondiElimina
  3. @ Musasinessuno: Il riso è stato mangiato duro così com'era...sob...

    RispondiElimina
  4. Ooh, Alta Fedeltà, mitico questo romanzo!
    Che bella con le righe!

    RispondiElimina
  5. Maiiiiiiii dire addio a un paio di Converse!!!!!
    ahahahahah XD io ne ho un paio tutte bucate ma ancora non riesco a gettarle, alla fine mi hanno accompagnata in mille avventure :D
    Comunque complimenti per il blog, inizio a seguirti volentieri! :P

    RispondiElimina
  6. Se proprio devi buttarle le tue converse le comprerei volentieri io......chissà come odorano di piedini :-):-)

    RispondiElimina